giovedì 28 maggio 2020

“Ciò che il male separa, il Cuore unisce” - Dialogo tra Fabiola Bertinotti, Francesca Valla, Marco Rasconi e Tiziana Fedeli

Intervista sottotitolata in italiano
All'interno della bella iniziativa 100% in beneficenza "In missione per la Speranza" SEGREGATA. Una madre contro il coronavirus, l’autrice lombarda Fabiola Maria Bertinotti dialoga con Marco Rasconi (UILDM) e Tiziana Fedeli (Intensivamente Insieme) e la nota insegnante e scrittrice Francesca Valla.

La videointervista è disponibile integralmente su YouTube a questo link: VIDEO DIBATTITO
 

Il 21 maggio 2020 si è tenuta una tavola rotonda digitale per discutere i temi, cari a tutti noi, della Gratitudine, Positività e Speranza. E' stata una piacevole e intensa chiacchierata che ha coinvolto l’autrice del libro autobiografico, Fabiola Maria Bertinotti, e i referenti delle realtà a cui è totalmente devoluto il ricavo della sua vendita: Marco Rasconi, alla guida di UILDM – Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare, e Tiziana Fedeli, presidente di Intensivamente Insieme.

Con loro un ospite senza alcun dubbio di eccezione: Francesca Valla, docente della scuola primaria, formatrice in percorsi educativi dei genitori, counselor, esperta educational sui media e, soprattutto MAMMA. Un volto noto della televisione, per la sua partecipazione a diversi programmi televisivi, come S.O.S. Tata.

“SEGREGATA - Una madre contro il coronavirus" un libro colmo di valori - spiega Fabiola M. Bertinotti - Gratitudine, Positività e Speranza, oggi più che mai vanno diffusi e condivisi.  

Ma non solo tra gli adulti: anche i più piccoli hanno bisogno di fiducia e di rassicurazioni per poter affrontare al meglio questa nuova fase del COVID-19 e rielaborare le difficoltà di due mesi di "chiusura al mondo", anhe il più prossimo. Per questa ragione abbiamo deciso di coinvolgere Francesca Valla, e siamo entusiasti per la sua squisita disponibilità: da sempre Francesca si occupa dei più piccoli, con uno sguardo attento e competente e con attenzione amorevole”.

“Sono qui perché il tuo libro è una carezza al cuore e quando sento il cuore io ci sono. Ho accolto la tua chiamata: per me questo è un momento importante. Ora bisogna fare cerchio, condividere le esperienze di fatica e di fragilità rendendole feconde, proprio come hai fatto tu”: ha esordito così l'ideatrice e coordinatrice di diversi progetti nell'ambito educativo Francesca Valla, commentando il lavoro di Fabiola M. Bertinotti.

Lo scopo 100% benevolo dell'iniziativa


Come avevamo già indicato nel precedente articolo comparso il 7 maggio in questo stesso Blog, Fondazione Cariplo e Fondazione della Comunità di Monza e Brianza stanno sostenendo una mamma lombarda a lanciare il suo e-book in beneficenza.

Il sogno dell'autrice è quello di raccogliere 100.000 euro entro il prossimo 30 ottobre per aiutare Intensivamente Insieme, associazione che opera nel reparto di Terapia Intensiva Neonatale e Neonatologia dell’ospedale San Gerardo di Monza, e UILDM - Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare.

Un’iniziativa al 100% di beneficenza, che è stata ufficialmente lanciata mercoledì 6 maggio. Fabiola è una mamma. E dal suo cuore è nato un libro che vuole essere un inno alla gratitudine, alla positività e alla speranza. Non a caso Vincenzo Mollica, che ha firmato la prefazione del libro, ha regalato ai suoi lettori anche una poesia, significativamente intitolata “La Speranza”.

“Anche tu puoi diventare ambasciatore di Speranza e sostenere i progetti di Intensivamente Insieme e di UILDM – ha esortato Fabiola – Diffondi il messaggio di gratitudine e positività contenuto nel libro: dona, scarica l’e-book e racconta a tutti la storia di SEGREGATA. Abbiamo un traguardo importante da raggiungere, quello di 100.000 euro: ognuno di noi può fare la differenza. Fare del Bene, fa Bene”.

Come donare e scaricare l’eBook. È possibile effettuare una donazione attraverso la piattaforma di crowdfunding ForFunding di Banca Intesa San Paolo: https://www.forfunding.intesasanpaolo.com/DonationPlatform-ISP/nav/progetto/aiuta-con-segregata. Eseguita la donazione, si riceverà una email contenente un codice ed un link; si inserisce il codice nella pagina del link e si ottiene istantaneamente lo scaricamento del libro in lingua italiana.


Le origini del progetto SEGREGATA


La realizzazione di SEGREGATA - Una madre contro il coronavirus, presto in uscita anche negli Stati Uniti, in Francia ed in Gran Bretagna, è stata possibile grazie al duplice aiuto sia della Fondazione Cariplo che ha concesso il patrocinio e fornito un primo contributo economico al progetto avviandone lo start-up, sia della Fondazione della comunità di Monza e Brianza che ha contribuito a strutturare il fondo speciale che accoglierà le donazioni e seguirà la parte di rendicontazione puntuale.

Oltre a Fondazione Cariplo e Fondazione della comunità di Monza e Brianza, un particolare grazie va agli sponsor digital media dell’operazione: Lipsie, che ha donato la piattaforma ad hoc per il downloading del libro, Traduzione-IN che ha curato, le traduzioni in lingua inglese e francese, l’editing in italiano e creato tutti i supporti video, e Antonio De Mauro per il progetto grafico e l’impaginazione. L’ideazione del progetto e l’editore è l’agenzia di consulenza aziendale FAB Communications.

domenica 10 maggio 2020

Iniziativa “In missione per la Speranza” di Fondazione Cariplo e l’ebook “Segregata – Una madre coraggiosa contro il coronavirus"


Care Lettrici e cari Lettori, con entusiasmo desidero farvi partecipi del lancio del libro “Segregata - una madre contro il coronavirus”, scritto da Fabiola Maria Bertinotti, mia sorella ma, soprattutto grande esperta in comunicazione aziendale e opinionista affermata (Da oltre 30 anni a capo della comunicazione della Walt Disney). Questo libro “testimonianza” fa da prezioso corollario all’avvio dell’iniziativa caritatevole “In missione per la Speranza”, patrocinata da Fondazione Cariplo e Fondazione della comunità di Monza e Brianza.

Ora vengo direttamente a spiegarvi di che cosa tratta il libro “Segregata. Una madre contro il Coronavirus” il cui messaggio viene subito chiarito dal sottotitolo “Ciò che il male divide, il cuore unisce”.

PREFAZIONE E POESIA DI VINCENZO MOLLICA

L'opera, che si avvale della prefazione del grandissimo giornalista Vincenzo Mollica (Vincenzo ha donato all'autrice e al suo libro anche la sua poesia "La Speranza"), narra l’esperienza drammatica di Fabiola, una mamma monzese, durante la prima ondata di coronavirus in Italia. Sono i giorni drammatici che vedono la Lombardia e il Nord Italia cadere in ginocchio sotto i colpi devastanti di un virus di cui si sa poco o niente. La stanza dove Fabiola è reclusa per amore, “si apre” una vera e propria finestra sul mondo dalla quale lei osserva i fatti della cronaca, della scienza e della politica italiana e mondiale.

Di “Segregata - una madre contro il coronavirus” e dell’iniziativa In missione per la Speranza” ne stanno parlando ampiamente la stampa nazionale e la stampa locale dall’uscita il 6 maggio 2020. Basta fare una ricerca online e si noterà come gli articoli e i comunicati stiano comparendo sui più autorevoli portali giornalistici e editoriali nazionali. Il battage è forte e si prolungherà con numerosi eventi digitali sino al 30 ottobre 2020, termine dell’iniziativa (vi terrò informati di ogni appuntamento, sono certa che ne apprezzerete i contenuti e i valori proposti).


EDITING, TRADUZIONI E VIDEO DEL LANCIO DI TRADUZIONE-IN

Io ne ho curato personalmente l’editing e diretto tramite Agenzia Traduzione-IN la produzione del video promozionale (https://player.vimeo.com/video/413677941), la traduzione in lingua inglese US e UK. La versione in lingua francese è in corso di realizzazione.

Tra breve sono previsti lanci negli Stati Uniti (FSHD Society) e Regno Unito (stiamo ancora cercando un patrocinatore, ma sono certa che ci riusciremo) ed anche in Francia con il supporto della fondazione Theleton!

Ma si parla anche di una traduzione in olandese, brasiliano e cinese. Ce ne occuperemo e ne faremo un successo mondiale grazie al nostro kit editoriale in collaborazione con Lipsie Languages, che prevede servizi traduzione, editing, con rinuncia ad ogni diritto alle royalties per i servizi linguistici, piattaforma di distribuzione digitale, video di lancio personalizzato e, da luglio 2020, servizio di supporto nella promozione sui media !


TUTTO DEVOLUTO IN BENEFICENZA

Grazie a questo e-book, il cui ricavato sarà 100% devoluto in beneficenza, Cariplo e mia sorella Fabiola mirano a raccogliere 100 mila euro per aiutare Intensivamente Insieme, la Fondazione operante nel reparto di terapia intensiva neonatale e neonatologia dell’ospedale San Gerardo di Monza, e la UILDM, l’Unione Lotta Distrofia Muscolare al fine di progetti di percorsi di autonomia e vita indipendente rivolti ai giovani con disabilità neuromuscolare. Oltre a Fondazione Cariplo e Fondazione della comunità di Monza e Brianza.


FAUTORI DELLA BRAND REPUTATION PIU' AUTENTICA

L’ideatore di tutto il progetto e l’editore è l’agenzia di consulenza aziendale FAB Communications. Fabiola Maria Bertinotti è l'entusiasmante fondatrice e spirito mirabilmente creativo dell'azienda! Ha vissuto una drammatica esperienza e ha deciso di raccontarla con fine filantropico grazie al libro SEGREGATA - Una madre contro il coronavirus.

Tutti i fautori dell’iniziativa hanno lavorato per settimane – le settimane del lockdown per la pandemia del COVID-19 – gratuitamente (io compresa) a fin di bene, un lavoro di squadra che mi auguro premi i diretti ed unici beneficiari della raccolta: i neonati prematuri in pericolo di vita e i giovani affetti da distrofia muscolare. È stato un impegno veramente massacrante ma speriamo che, oltre ad articoli ed interviste, si raccolgano rapidamente i fondi per sostenere chi, non solo in questo momento di crisi, ha sempre bisogno di aiuto!

Carissime Lettirici, carissime Lettori, conto su di voi!

TUTTI INSIEME PER DARE SPERANZA!

Fate un dono sulla piattaforma di ForFunding di Banca Intesa San Paolo https://www.forfunding.intesasanpaolo.com/DonationPlatform-ISP/nav/progetto/aiuta-con-segregata

e scaricate l’e-book “Segregata – Una madre contro il coronavirus”* direttamente dal nostro portale editoriale Lipsie https://www.lipsie.com/it/traduzioni-solidali/piattaforma-editoriale-lipsie/

Unitevi all’iniziativa e sostenete “In missione per la Speranza”, con un piccolo contributo (anche 1 solo Euro) potrete aiutare i più fragili e acquistare Segregata, un ebook che è un inno alla Gratitudine, alla Vita e alla Speranza!

 A partire dal 6 maggio sino al 30 ottobre 2020.

 

 

martedì 5 maggio 2020

Traduttore Professionale allo Specchio: intervista a Elisabetta Bertinotti


 

Lavoro di traduttore: competenze e ruoli


La figura del traduttore madrelingua esperto è sempre molto richiesta. Si tratta di una professione che può essere svolta sia come dipendente di uno studio o di un'agenzia che come freelance. Con l’avvento di internet inoltre, un traduttore può lavorare per clienti sparsi in tutto mondo. Elisabetta Bertinotti, 52 anni, originaria di Monza, ci racconta la sua esperienza in questo settore.

Dopo il conseguimento del diploma di Liceo Artistico a Monza, Elisabetta si è laureata all’Università Cattolica in Lingue e Letterature Moderne e ha ottenuto un Master in Management Artistico e Culturale sempre presso la sede milanese dell’Ateneo Largo Gemelli.
Elisabetta è titolare di un’azienda fondata nell’aprile 2014. “Avevo già partecipato alla start up di un’altra agenzia di traduzioni (la Lipsie) ma, in Francia, oltre 10 anni prima – ci racconta - dopo anni in questa azienda, mi sono resa conto che creare in Italia qualcosa di nuovo sarebbe stata un’avventura ancora più coinvolgente per me visto che l’Italia è il mio paese e che conosco bene lo spirito imprenditoriale – prosegue -  prima ancora ho lavorato per 6 anni in due agenzie di comunicazione e organizzazione di eventi aziendali, nel ruolo di Senior Assistant del CEO, e coordinatrice di tutti gli aspetti organizzativi e logistici dei seminari e convention: locations; brochures multilingue, organizzazione regia audio e video multilingue, produzione dei supporti multimediali multilingue”. È a quell’epoca che Elisabetta si affaccia per la prima volta al mondo degli audiovisivi e delle traduzioni Professionali. Oggi Elisabetta è account e responsabile del marketing e comunicazione della sua agenzia di traduzioni professionali.

Lavoro di squadra


Attualmente, lavora sia in squadra che da sola. Dipende dalle mansioni che svolge. “Essendo la mia una società di servizi digitali, si è portati a lavorare anche contemporaneamente su più fronti. Non si potrebbe fare altrimenti. Quando stendo i miei preventivi ho bisogno anche dell’intervento diretto di linguisti, grafici, operatori video, copywriter, esperti in strategie sui social, esperti in marketing digitale, insomma di tutti i professionisti che rientrano nel possibile staff di un progetto di traduzione complesso - racconta - quando scrivo i contenuti per arricchire le pagine dei miei siti e blog, allora posso lavorare in autonomia, eccetto quando demando il lavoro di stesura dei testi ad un altro professionista  - aggiunge infine - mi piace però dare sempre un’ultima rilettura di quanto ha scritto: sono pignola ma credo non sia un difetto in questo lavoro”.
Quando scrive gli articoli per il suo blog Elisabetta si chiude nel silenzio assoluto di una stanza e crea i suoi contenuti.
“Mi piace raccontare che cosa facciamo e come lo facciamo. La comunicazione scritta è un mezzo unico e Internet rappresenta da 20 anni un’opportunità unica” dice.

La motivazione che l’ha spinta a scegliere questo lavoro è stata l’amore per le parole e per la comunicazione, ancor di più che l’interesse per le lingue. “A dire la verità, all’epoca mi trovai per caso a fare i corsi universitari che svolsi”. Alla base, Elisabetta ha sempre adorato scrivere, leggere, comporre, creare con le parole e con le immagini.

Differenza tra traduzione generale e localizzazione dei contenuti


Le chiediamo in che cosa si distinguono i servizi di traduzione generali da quelli di localizzazione dei contenuti. Ci spiega che la gamma dei servizi di traduzione è di fatto molto ampia. Si parte dalla traduzione unicamente corretta e fedele a quella più creativa, umanistica e evocativa, portatrice di concetti culturali ed artistici elevati. La localizzazione deve essere specialmente fatta quando i mondi che si incrociano tramite le traduzioni non condividono i medesimi riferimenti. Bisogna conoscere bene i tessuti sociali e la cultura locale prima di trasferirli in un altro paese ed ottenere lo stesso risultato.
“Localizzare bene implica il risiedere nel paese in cui è presente un certo fenomeno, per poterlo capire e traslare intatto nella propria lingua madre.”

Per quanto riguarda le difficoltà insite nell'ottenere traduzioni fedeli al testo in lingua originale, Elisabetta ci dice che chi commissiona le traduzioni attualmente non desidera traduzioni letterali e spesso quando un testo è fedele al 100% può rasentare la “famigerata letterarietà”. Quindi l’abile traduttore deve fare attenzione a non rimanere troppo vicino al testo di origine ma, nello stesso tempo, di rispettarne i significati. “E questo non è un compito affatto agevole”.

La lingua più difficile da tradurre non esiste


Alla domanda qual è la lingua più difficile da tradurre, Elisabetta ci risponde che non esiste una lingua più dura delle altre, ma piuttosto vi sono dei clienti più difficili da soddisfare. “Questo fa parte del lavoro e noi di Agenzia Traduzione-IN non ci accontentiamo mai. Puntiamo a soddisfare al 100% ogni aspettativa, anche la più alta”. All'interno della sua azienda, vengono utilizzati i Cat Tool migliori sul mercato. Le funzionalità che mettono a disposizione attualmente possono veramente aiutare il traduttore a guadagnare con certi tipi di testi (manuali, schede SDI, ecc.) del tempo prezioso.